Cellule staminali vegetali: il potere rigenerante della natura

Il potere rigenerante delle cellule staminali vegetali sta prendendo piede nel settore dermocosmetico e anche la nostra linea per pelli mature ne sta beneficiando.

Le staminali di origine vegetale sono un vero elisir contro l’invecchiamento, anche grazie agli studi scientifici, che ne consentono l’utilizzo in questo settore.

Le cellule staminali sono cellule da cui prendono origine tutte le altre cellule e possono essere di natura sia animale sia vegetale.

Più precisamente sono cellule che non hanno ancora assunto uno specifico carattere nell’organismo e hanno la potenzialità di svilupparsi in diversi tipi di cellule, a seconda della funzione che andranno a ricoprire. Una volta che ricevono lo stimolo che le spinge a differenziarsi in una determinata cellula, si evolvono per adempiere ad una specifica funzione, e diventare così organi o tessuti.

Grazie a questa capacità rigenerativa, all’interno dei tessuti, possono replicarsi in maniera illimitata, al fine di rimpiazzare le cellule danneggiate o morte. Altra caratteristica fondamentale delle cellule staminali vegetali (come anche di quelle animali e umane) è quella di poter rimanere cellula progenitrice o di caratterizzarsi in altre cellule con una funzione specifica, al momento della divisione.

Cellule staminali vegetali: perché si usano in cosmetica? 

Il livello di rigenerazione cellulare delle piante è un processo unico e a dir poco straordinario.

Il mondo vegetale e la botanica sono talmente variegati che offrono elevate potenzialità di sviluppo a quella che viene chiamata “medicina rigenerativa”: da piante, fiori o addirittura frutti, come l’uva, è possibile estrarre principi attivi dalle riconosciute proprietà terapeutiche e riparatrici.

L’estrazione di queste preziose cellule da materie prime vegetali, sempre più praticata dagli scienziati negli ultimi anni, ha dischiuso enormi potenzialità in scienze applicate come la farmaceutica e la cosmetica dove questi principi attivi, utilissimi per la nostra pelle, sono impiegati in modo sempre crescente.

Grazie ad una duplice azione, protettiva e rigenerativa, le cellule staminali vegetali diventano validi alleati per la nostra pelle e, proprio per questo, negli ultimi anni la comunità scientifica è sempre più attenta all’utilizzo di queste cellule in farmaci e dispositivi medici ma, soprattutto, nei prodotti dermocosmetici.

Altro fattore decisivo, che, ha indotto il mondo scientifico a concentrarsi molto sulle staminali vegetali, è stato il divieto di sperimentazione su quelle di origine umana.

Le proprietà delle cellule staminali vegetali

In particolare gli studi più recenti hanno evidenziato come le proprietà di queste cellule e gli estratti dei fitormoni possano influenzare la rigenerazione della nostra pelle.

La dermocosmesi ha compreso la potenzialità delle cellule staminali vegetali e prosegue nella ricerca affinando le tecniche di estrazione da molte specie di piante.

La rigenerazione tissutale rende le cellule staminali degli strumenti perfetti per contrastare l’invecchiamento cutaneo.

Considerando gli effetti positivi di queste sono state messe in luce le loro proprietà antiossidanti, fotoprotettive, decongestionanti e antinfiammatorie. Più specificamente, la funzione antiage di queste cellule deriva dalla percentuale presente in esse della EGF (Epidermal Growth Factor), una sostanza, simile a quella umana, che contribuisce alla ricrescita dei tessuti epidermici.

Le cellule staminali vegetali stimolano in particolare il processo dei fibroblasti, ripristinando il collagene e quindi, riattivando quei processi biologici rallentati a causa dell’invecchiamento.

Da che parte della pianta vengono estratte?

Le cellule staminali vegetali possono essere estratte da diverse piante o, addirittura, da fiori o frutti. Tra quelli più comuni troviamo i frutti rossi: lamponi, mirtilli, uva, ma anche mela svizzera, la stella alpina o il Buddleja, conosciuto anche come l’albero “delle farfalle”.

Le staminali vegetali possono essere estratte da diverse parti della pianta. Possono essere prelevate dal frutto stesso, ma anche dalla radice o dal germoglio, di volta in volta saranno i ricercatori stessi che verificheranno da dove poterle estrarre.

Un processo che viene realizzato anche dai nostri laboratori, utilizzando le cellule staminali presenti nella solar vitis, tra i principi attivi presenti nella crema giorno della linea Novaetatis.

Cellule staminali vegetali: perché sono importanti per la nostra pelle?

Cellule Staminali
Cellule Staminali

Il processo di rigenerazione che avviene nella pianta può essere messo in atto anche nei tessuti della nostra pelle, per difenderla, utilizzando esclusivamente i benefici della natura.

I metaboliti secondari vegetali, ovvero le molecole prodotte dalle cellule vegetali, hanno una struttura simile agli ormoni regolatori non proteici umani. Negli organismi vegetali il loro processo di biosintesi innesca meccanismi molecolari antiossidanti e disintossicanti simili a quelli che si configurano nelle cellule umane.

Grazie ai meristemi, tessuti costituiti da cellule indifferenziate che proliferano per divisione costituendo gli istogeni, dai quali si originano i tessuti definitivi, una pianta continua a crescere per l’intera durata della sua vita. Non solo, mediante questo stesso processo le piante riescono a mettere in atto anche processi di riparazione dei tessuti danneggiati, un processo che è ora possibile sollecitare anche nei nostri tessuti proprio grazie alle cellule staminali vegetali.

Ciò avviene soprattutto quando i meristemi ottenuti delle piante (e presenti in specifiche formulazioni dermocosmetiche) sono esposti a fattori di stress molto comuni nella vita di tutti i giorni. Tali fattori sollecitano una risposta protettiva che, a sua volta, avvia la biosintesi dei metaboliti secondari. Questi ultimi possono intaccare i meccanismi di ossidazione dei tessuti epiteliali, bloccando l’invecchiamento della pelle.

Dunque un aiuto prezioso per la nostra pelle che ogni giorno è sottoposta a diversi fattori di stress (raggi UV, smog, agenti atmosferici) e che, per questo, necessita di una maggiore protezione.


Leave a Reply